Ricette dolci

I BISCOTTI DELLA BRIGITTA

4 ottobre 2019

Ho iniziato a cucinare molto presto, a circa sette anni, e il mio primo ricordo è quello delle tagliatelle fatte con la Lina, la mia vicina di casa, di cui ti racconterò la storia molto presto.
Dopo la pasta fresca è stata la volta del gelato al cioccolato e della gelatiera a manovella regalata dalla mamma (ex gelataia) e delle torte minuscole preparate con il dolce forno…finchè non è arrivato il mio primo vero libro di cucina, il “Manuale di Nonna Papera”, e allora ho iniziato a fare sul serio! 🙂
(Ero anche più grande, facevo la prima media e potevo usare il forno da sola!)
Con “lui” facevo i biscotti per i miei compagni di classe, le mie prime torte per le amiche della mamma quando ci venivano a trovare a casa, le marmellate e la crema pasticcera.
Ricordo anche i miei primi esperimenti falliti, come i biscotti bruciati, i grumi nella crema e, il più clamoroso e cocente, quello dei “Gonfietti Ezechiele”, i bignè.
Adoravo, e adoro tuttora, quel libro, tanto che ha sempre avuto un posto speciale nella libreria di casa.
La mia ricetta preferita era quella dei “Biscotti della Brigitta”.
Li facevo spesso perchè erano molto buoni e molto divertenti, e oggi che a distanza di quasi trent’anni mi sono di nuovo cimentata nella loro preparazione, sai cosa ho scoperto?
Che da bambina ero più brava e mi venivano molto meglio! 🙂

Ingredienti per circa 20 biscotti

120 gr di burro
75 gr di zucchero a velo
1 bustina di zucchero vanigliato ( ma io oggi uso la vaniglia Bourbon in polvere!)
1 uovo
200 gr di farina “0”
1 pizzico di sale
2/3 cucchiai di cacao amaro
zucchero di canna chiaro

Preparo la pasta frolla mescolando in una ciotola la farina con il tuorlo (l’albume lo lascio da parte).
Aggiungo il burro morbido tagliato a tocchetti, lo zucchero, il pizzico di sale, la vaniglia e impasto con la punta delle dita.
Trasferisco tutto su una spianatoia di legno e impasto ancora un pò.
Divido la frolla in due parti e ad una delle due aggiungo il cacao in polvere, amalgamandolo bene all’impasto.
Avvolgo con pellicola e faccio riposare in frigo una mezz’oretta.
Riprendo l’impasto e lo stendo separatamente, su fogli di carta forno, in due rettangoli di circa 20 cm di lato e ad uno spessore di 5 mm.
Sovrappongo il quadrato bianco a quello nero, arrotolo il tutto come un salame ben stretto aiutandomi sempre con la carta forno, e lascio ancora in frigo per un’oretta.
Trascorso il tempo di riposo riprendo l’impasto e taglio delle fettine di circa 5/7 mm, le dispongo su una placca ricoperta di carta forno e cuocio a 180° per 10/15 minuti.
Appena i biscotti escono dal forno li spennello con l’albume sciolto con un pò d’acqua e li cospargo di zucchero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *