Ricette dolci

LE MANDORLE ATTERRATE DELLA ZIA LUIGINA

23 dicembre 2019

La zia Luigina è la sorella più grande della mamma.
Ti ho già raccontato delle sue origini pugliesi e di quanto sia brava a cucinare e a fare la pasta in casa (I TROCCOLI DELLA MAMMA E LA ZIA ).
Per me è come una seconda mamma; per anni ogni domenica sono andata a pranzo da lei e lo zio Riccardo, mi ha regalato la mia prima lavatrice (ormai rotta, ma che non riesco a buttare via) e il mio primo ferro da stiro (che non uso per scelta, rifiutandomi categoricamente di stirare qualsiasi cosa! ).
Quando ero bambina andavo spesso a casa sua, e mi ha raccontato che un pomeriggio, disperata, per farmi smettere di piangere, mi ha riempito la testa di bigodini e messa sotto il suo casco da parrucchiera.
Io tutta contenta ho smesso di piangere ma, quando la mamma è tornata a riprendermi e mi ha vista con tutti quei boccoli, si è molto arrabbiata con la zia! ( ” E adesso come la mando all’asilo con ‘sta testa?!” 🙂 )
Da ragazza lavorava nel reparto profumeria della Standa, in Via Branca, ed era così bella (e lo è tuttora), ma così bella, che ogni anno, a Natale, le facevano fare la fatina delle feste.
Lei un pò si vergognava, anche oggi che, a distanza di tanti anni, alcune persone la riconoscono e la fermano per strada:
“Lei è la fatina della Standa!?”
Un giorno, mantre stava lavorando nel negozio della Zia Imelda (l’altra sorella della mamma), ha notato due clienti, due signorotti, che la fissavano in modo strano parlottando fra loro.
Uno ha preso coraggio e si è avvicinato:
“Lei è la fatina della Standa, vero?!”
“Si,sono io, dopo tanti anni mi avete riconosciuta?!”
“Sa, io e il mio amico venivamo tutti i giorni alla Standa per vederla. Era bellissima, aveva dei
bellissimi occhi e dei bellissimi capelli e poi le gambe…stupende!”
“Ma come le gambe?! Avevo sempre un vestito lungo fino ai piedi!”
“Eh, ma noi ce le immaginavamo!

Tra le tante cose buone che la zia prepara a Natale, ci sono le “Mandorle Atterrate” (“I Menol Atterret”), un dolce tipico pugliese delle feste.
Le ho telefonato e mi sono fatta dare la ricetta…credo che dovrò chiamarla di nuovo perchè le sue sono più buone! 🙂

Ingredienti per 12/15 dolcetti:

200 gr di mandorle sgusciate
190 gr di cioccolato fondente
1 pizzico di sale
1/2 cucchiaino di vaniglia Bourbon in polvere

Premessa: il sale e la vaniglia li ho aggiunti io, nella ricetta della zia non ci sono.
Per prima cosa tosto le mandorle in forno per 5/6 minuti a 200°.
Inizio a sciogliere 2/3 del cioccolato a bagnomaria.
Quando è pronto aggiungo fuori dal fuoco il restante cioccolato, il sale e la vaniglia, mescolando bene con un cucchiaio.
Non temperando il cioccolato, questo passaggio serve a renderlo un pò più lucido.
Verso le mandorle nel cioccolato e amalgamo bene.
Quando il composto si è raffreddato un pò, lo dispongo a cucchiaiate su una teglia rivestita di carta forno e lascio asciugare bene bene!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *